giovedì 2 giugno 2016

Scorci di Ancona

Ci sono viaggi organizzati nei minimi dettagli e viaggi allo sbaraglio, ma a volte ci sono solo quelle poche ore che però ti bastano per fare grandi scoperte.
La scorsa settimana sono stata ad Ancona per ammirare la nave Amerigo Vespucci e una volta lì ne ho approfittato per scovare qualche bello scorcio.
Non prendetela come una guida della città,assolutamente!
E' solo il racconto del mio pomeriggio.
Di corsa per vedere la nave (gli orari erano davvero ridotti) e poi mi sono finalmente rilassata ammirando quello che mi stava intorno.
Come prima cosa l'arco di Traiano, che una volta si trovava ancora più a ridosso del mare, costruito come ringraziamento per aver ampliato il porto della città.





Sembra che da lì sia partito l'imperatore per la guerra contro i Daci.
Salendo le scale e oltrepassando l'arco potrete percorrere un lungo camminamento rialzato che vi permetterà di avere una visuale molto interessante del porto.
Sempre da lì il vostro occhio non potrà non cadere su una costruzione posizionata sulla cima del colle.
Lasciato il porto alle spalle,ho preso l'ascensore pubblico così da guadagnare un pò di tempo, considerando che c'era tanta salita da fare.....avanti con diverse scalinate fino ad arrivare alla Chiesa di San Ciriaco che domina dall'alto tutta la città.
In stile romanico, con la sua imponenza riempie tutta la piazza. Il colore bianco è dato dalla pietra del Conero, mentre i leoni all'ingresso sono di marmo rosso di Verona.
Al suo interno, a sinistra rispetto all'entrata troverete la Cripta dei Protettori che contiene le spoglie dei santi patroni, primo fra tutti San Ciriaco.
Se siete degli appassionati d'arte dovete sapere che anche il Vanvitelli lasciò il suo marchio in questa Cattedrale.
Scendendo dal colle verso il centro città sono passata di fronte al vecchio Mercato Pubblico, che emana sempre un certo fascino con il suo "scheletro" in ferro......ma allo stesso modo emana anche un cattivo odore di pesce, quindi vi basta una sbirciatina dall'esterno.



L'ultima scoperta della città, prima di ripartire è stata la Fontana del Calamo o delle Tredici Cannelle.
Ne sono rimasta davvero colpita.



Immaginate tredici riquadri con al centro una maschera in bronzo ( in realtà 12, perchè una è in pietra), tutte diverse l'una dall'altra dalle quali sgorga l'acqua.
Queste figure dovrebbero essere dei fauni e dei satiri, ovvero figure mitologiche legate alla natura e alla campagna.
Ne sono rimasta talmente rapita che avrei voluto fotografare tutte le loro espressioni...... per fortuna era tardi ed era arrivata l'ora di ripartire! :-)



Questo è un piccolo assaggio di quello che vi aspetta nel capoluogo marchigiano.
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

Nessun commento:

Posta un commento