venerdì 27 maggio 2016

Alla scoperta della Nave Scuola Amerigo Vespucci

A cosa pensate se vi dico "Amerigo Vespucci"?
Beh, il primo pensiero è senza dubbio per il grandissimo esploratore italiano....e diciamo che rispetto al blog siamo proprio in tema.
Il secondo pensiero che mi viene con questo nome riguarda qualcosa di diverso, non una persona ma bensì una cosa e nello specifico un bellissimo veliero.
Ebbene si, la nave Amerigo Vespucci è un'importante pezzo di storia italiana, pensate che ha 85 anni e li porta divinamente.
Venne costruito nel 1931 come Nave Scuola della Marina Militare per l'addestramento degli allievi ufficiali dell'Accademia Navale ed è la più anziana nave della Marina Militare ancora in servizio.



E' un veliero a 3 alberi, che ha solcato tutti i mari e nel 2006 ha abbandonato momentaneamente le scene per essere ristrutturato; al suo interno la tradizione regna sovrana, tutti i materiali sono rigorosamente originali e la cosa particolare per i nostri giorni è che tutte le manovre vengono fatte a mano e ogni ordine viene impartito dal comandante tramite il nostromo per mezzo del fischietto.
Senza scendere troppo nei dettagli volevo dirvi che oltre a formare ufficiali, ha anche un ruolo nettamente diverso e cioè quello di ambasciatore dell'arte e della cultura italiana, presentandosi nei maggiori porti mondiali.



Dopo i lunghi lavori di restauro che l'hanno praticamente resa nuova, ha ricominciato il suo giro "turistico" e una di queste tappe è stato il porto di Ancona e io non ho perso occasione per poterla ammirare da vicino.
La gente che voleva vederla con i propri occhi è stata talmente tanta che io purtroppo non sono riuscita a salirci ( e come me tantissime altre persone), ma vi assicuro che anche da fuori è davvero meravigliosa.



Imponente, bellissima e curata nei minimi dettagli.
Il giro continua e se volete capire in prima persona di cosa sto parlando scoprite la prossime date italiane (ingresso gratuito).
Pensate che viene descritta come la più bella nave del mondo.
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

Nessun commento:

Posta un commento