domenica 13 marzo 2016

Escursione da L'Avana: alla scoperta di Vinales e delle sue piantagioni di tabacco

Se avete scelto Cuba come vostra meta, ricordatevi che non è solo L'Avana e mare ma ci sono tantissimi altri luoghi interessanti da visitare.
Partendo proprio da L'Avana un'escursione che vi consiglio perchè è abbastanza vicina e fattibile in giornata è Vinales.
Avendo testato di persona le auto cubane vi consiglio o di prendere un taxi o di affidarvi ad un'escursione organizzata.
Scegliendo la seconda opzione, io e il mio ragazzo siamo partiti alle 7:30 del mattino a bordo di un pulmino con altre 10 persone più l'autista e la guida proprio dalla capitale.
Vinales è la patria delle piantagioni di tabacco, dove vengono preparati alcuni dei sigari più buoni di Cuba e del mondo intero.
Il percorso per raggiungere la nostra destinazione era abbastanza lungo, così abbiamo fatto una sosta intermedia visitando una fabbrica di rhum.
Non aspettatevi assolutamente macchinari industriali e grandi spazi, ma delle vecchie botti e un'imbottigliatrice...tutto più che sufficiente per produrre un'ottima bevanda.



Ripresa la marcia abbiamo finalmente raggiunto la nostra meta prima dell'orario di pranzo e siamo subito andati a visitare una hacienda, con la tipica capanna dal grande tetto dove vengono essiccate le grandi foglie di tabacco.
Ai nostri occhi si è presentata una scena davvero suggestiva: un unico edificio in mezzo ad una distesa sconfinata di verde!



All'interno della capanna c'era un uomo ad attenderci , ovvero il contadino responsabile della coltivazione che per una mezzoretta si è trasformato per noi in una guida.
Ogni pianta di tabacco fornisce 3 o 4 raccolti e una volta che lasciano lo stelo, le foglie vengono posizionate nella grande capanna ad essiccare su diversi piani.



Per fare un sigaro invece servono 3 foglie che vengono lavorate dalle sapienti mani del ... che non devono essere ne troppo secche ne troppo umide altrimenti si spezzerebbero.
Una volta data la forma, si tagliano le estremità in eccesso e si lascia in una piccola pressa per non molto tempo ed il gioco è fatto.



Noi abbiamo assistito alla trasformazione da foglie a sigaro e vi assicuro che avviene tutto manualmente e rapportandolo ai giorni nostri è davvero sorprendente.
La cosa scioccante per me invece è stata scoprire che il 90% del raccolto è destinato allo stato, mentre il rimanente 10% resta alla famiglia ed è l'unica parte con la quale può guadagnare qualcosa.
Dopo pranzo abbiamo potuto ammirare il Murales della Preistoria, una tappa obbligata per chi si reca a Vinales.




Si tratta di un immenso murales realizzato  sulla parete di una montagna, che raffigura l'evoluzione, partendo dai dinosauri fino ad arrivare all'uomo.
Il tutto è molto suggestivo, forse perchè i colori usati sono molto splendenti e creano un bel contrasto con la natura circostante; anche le dimensioni sono impressionanti, al suo cospetto ci si sente una formichina...credo sia 120 m X 80 m.
I più temerari possono anche arrampicarsi attraverso un piccolo sentiero ed ammirare l'opera da un'altra prospettiva.
Scattale le solite foto di rito siamo ripartiti e dopo poco abbiamo fatto un'altra sosta per ammirare la Cueva del Indio.
Si tratta di una grotta naturale, al cui interno è possibile ammirare bellissime stalattiti e stalagmiti, ma non finisce qui...dopo una piccola passeggiata si arriva ad un piccolo molo interno dove si prende una piccola barca per proseguire la visita in modo diverso.
La grotta infatti è attraversata da un fiume che vi condurrà fino all'esterno.



Durante la breve navigazione potrete ammirare della particolari formazioni, tipo un coccodrillo o le tre caravelle di Colombo.
Vinales si trova nella provincia di Pinar del Rio ed è una zona completamente naturalistica, per chi si ferma più tempo consiglio di fare un'escursione a cavallo fra le piantagioni di tabacco.



La giornata è stata intensa, ma per chi ha poco tempo a disposizione mi sembra un'ottima soluzione,un'escursione  poco distante da L'Avana che consente di ammirare qualcosa di diverso.
Risaliti sul nostro pulmino, dopo qualche ora di viaggio siamo tornati al nostro punto di partenza, giusto in tempo per una succulenta cena a base di aragosta!
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.


1 commento:

  1. Sono arrivata anche io fino a Vinales in pulman con una corriera sgarruppatissima su un'autostrada tutta buchi. Mi ricordo una giornata stupenda, tra i sorrisi dei campesinos e bicchieri di jarabe de palo. Amo Cuba...

    RispondiElimina