lunedì 2 novembre 2015

Le mummie di Urbania

Oggi vi porto ad Urbania con me, siete pronti?!
La cittadina è veramente carina, un borgo tenuto benissimo con degli scorci davvero caratteristici.
Ci troviamo nella provincia di Pesaro-Urbino e devo dire che le eccellenze qui presenti sono diverse, dalle famosissime ceramiche alla conosciutissima festa della befana.
Il mio obiettivo della giornata però era un altro: il cimitero della mummie.
La città possiede diverse chiese, ma solamente la Chiesa dei Morti nasconde al suo interno una rarità,ovvero 18 corpi mummificati naturalmente.
In passato  non esistevano i comuni cimiteri, così le persone più abbienti venivano sepolte dietro la chiesa mentre i meno abbienti erano relegati fuori dalle mura della città.
Ad Urbania si formò la Confraternita della Buona Morte con il compito di provvedere al trasporto gratuito e alla sepoltura dei morti, soprattutto degli indigenti.
Questi defunti furono sepolti sotto terra senza nessuna bara, ma avvolti solamente in un lenzuolo e proprio per questo, grazie all'azione di  una particolare muffa presente nel terreno si mummificarono.
I corpi vennero riesumati in seguito all'istituzione dei cimiteri nella prima metà del 1800 ed esposti dietro l'altare della chiesa.

Priore Vincenzo Piccini
Uno dei corpi è del Priore Vincenzo Piccini, medico e farmacista che dopo aver fatto questa sorprendente scoperta, inventò una sostanza per mummificarsi, la quale venne applicata sia sul suo corpo che su quello della moglie e del figlio; rispetto agli altri corpi, questi sono molto più chiari.
Ogni mummia ha la propria storia, dalla ragazza con una malformazione all'anca a quella morta di parto cesareo, dal ragazzo accoltellato a quello sepolto vivo in quanto era in una sorta di morte apparente.



Sopra alle teche che custodiscono i corpi sono collocati decine di teschi, e la stanza è illuminata da un lampadario composto interamente da ossa....a mio avviso la cosa più macabra nel complesso.
Il nome della confraternita era "Della Buona Morte" ed era dedicata a San Giovanni Decollato, raffigurato anche in un'opera presente all'interno della piccola chiesa.

Opera raffigurante San Giovanni Decollato

Se ci pensate è un fenomeno davvero particolare e raro, tanto che anche le più famose trasmissioni che si occupano di misteri hanno trattato il caso.
Io vi consiglio di farci una visita, il custode vi racconterà tutta la storia e i 2 € del biglietto d'ingresso sono spesi più che bene.

Stemma della confraternita
Beh logicamente se siete facilmente impressionabili forse è meglio che aspettiate fuori e facciate un giro nei suggestivi vicoli di Urbania.
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.


2 commenti:

  1. Il tuo articolo mi aveva giá incuriosito un sacco..oggi complice la sagra,finalmemte ci sono stata!Assolutamente da vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente?!Sono proprio contenta che ti sia piaciuto!Luogo davvero particolare!

      Elimina